L’amore: elemento essenziale di un rapporto motivato.

pubblicato in: News
Download PDF

L’amore è qualcosa di più dell’essere capaci di dire “ ti amo”, perché queste parole le pronunciano anche persone che tutti i giorni litigano e si fanno del male.

Amare significa dare e non ha nulla a che vedere con quanto si riceve.

L’amore è un processo interiore che dobbiamo far entrare in ogni relazione, perché Amare è la cosa più importante della vita!

Ma cosa significa amore?  “ti amo se tu mi ami..”, non è amore.

Amore è nutrire quello straordinario sentimento di affetto che non chiede nulla in cambio.

Possiamo essere molto intelligenti, passare tutti gli esami, prendere la laurea e raggiungere una un’alta posizione nella vita, ma senza questo sentimento di puro amore il nostro cuore rimarrà arido e ci sentiremo infelici per tutta la vita.

Dare senza nulla chiedere in cambio è l’ingrediente dell’amore: ecco come può essere definito lo scopo, il fine ultimo a cui tendere per creare dei rapporti miracolosi!

Esercitatevi di dare amore senza riserve e vi sentirete soddisfatti e felici, anziché insoddisfatti e disperati.

 

Voglio darvi quattro piccoli consigli per avere rapporti magici:

Smettere di voler avere sempre ragione. È l’unica vera fonte di problemi nei rapporti e di guasti nelle relazioni: il bisogno di far sentire l’altro in torto o, di avere sempre ragione, di avere sempre l’ultima parola, di dimostrare che l’altro non sa quello che dice, di imporre la nostra superiorità. Un’unione spirituale è un rapporto tra pari, non esiste un modo “giusto” o un discorso “vincente”: ognuno ha diritto al proprio punto di vista. Non ci sono superiori o inferiori, entrambe le parti sono uguali e questa uguaglianza va sempre rispettata. Mettetelo in pratica e vedrete che tra voi regnerà l’amore anziché la collera.

Lasciare  spazio agli altri. Torniamo al principio del dare piuttosto che ricevere, all’amore incondizionato. Quando amiamo qualcuno per quello che è, non per quello che dovrebbe essere , o perché ci accontenta, viene spontaneo lasciargli un suo spazio. Tutti noi abbiamo bisogno di dedicare un po’ di tempo alla meditazione, alla contemplazione, alla lettura, all’ascolto, a passeggiare ecc. La privacy e lo spazio sono regali magnifici per il partner.

Cancellare l’idea di possesso. Godete l’uno dell’altro e non di possedervi. Nessuno vuole essere dominato, a nessuno piace sentirsi proprietà privata di un altro e neppure controllato. Non abbiamo nessun diritto di dire alle persone alle quali siamo più legati che cosa dovrebbero fare nella vita. Può darsi che riusciate a tenere prigioniero/a  vostro marito/ moglie e che il vostro matrimonio duri anche per sessant’anni, ma se uno di voi si sente dominato dall’altro, o addirittura di sua proprietà, non sperimenterete mai un rapporto di vero amore.

Non è necessario capire. Semplicemente, non siamo tenuti a comprendere perché qualcun altro agisce o pensa in un determinato modo. Essere pronti a dire: “Non capisco, ma va bene lo stesso”, è la massima comprensione che possiamo offrire. Vi invito a superare anche voi il bisogno di capire perché al vostro partner piacciono determinati programmi televisivi, perché mangia quel che mangia, legge le cose che legge, si diverte con certe persone e altro. Non è necessario capire l’altro. Amare profondamente significa amare il partner per quello che è.

Ecco le qualità indispensabili a una relazione improntata al raggiungimento di uno scopo. Orbitano tutte attorno a quel pianeta che è l’amore incondizionato.

Bibliografia: “Come fare miracoli nella vita di tutti i giorni” di Wayne W. Dyer